Tanna
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 voti, media: 5,00 su 5)
Loading...
Paese:
Australia
Anno:
2015
Genere:
Drammatico
Durata:
1 h. 44 minuti
Regia:
Martin Butler, Bentley Dean
Attori:
Mungau Dain, Marie Wawa, Marceline Rofit,
Vietato ai minori:
No

Sinossi

Due ragazzi appartenenti a tribù diverse e rivali dell’isola di Tanna, nell’arcipelago delle Vanuatu, si innamorano. Peccato mortale: la loro relazione viene contrastata da tutti in ogni modo possibile, finché la fuga resta l’unica ipotesi percorribile. Protagonisti, con loro, luoghi incontaminati dove il cinema arriva per la prima volta e in punta di piedi.

CANDIDATO ALL’OSCAR PER IL MIGLIOR FILM STRANIERO

Programmazione

ANTEPRIMA LUNEDÌ 22 MAGGIO
ore 20.30 sala 1

ingresso € 5,00

Recensione

Premio del pubblico alla Settimana della critica di Venezia 2016, giustamente candidato agli Oscar come miglior film straniero e ingiustamente ignorato, arriva finalmente nelle sale italiane Tanna, una perla della cinematografia contemporanea.

La storia che racconta è realmente accaduta, un Romeo e Giulietta al di là della sceneggiatura: la tribù di Yakel ha approcciato al cinema in maniera del tutto vergine. Non avevano mai visto un film prima, hanno accettato di interpretarne uno. Non è dato sapere come siano riusciti i documentaristi Martin Butler e Bentley Dean a convincerli a costruire insieme una storia così affascinante. Raccontano di essersi trasferiti a lungo sul posto insieme alle rispettive famiglie e aver deciso il “salto” al cinema di finzione trasformando quest’ultima in lieve alterazione della realtà. Le leggi che vedete nel film sono quelle che tuttora regolano le tribù e si fanno metafora universale di tutte quelle società che ancora si ostinano a voler decidere su sentimenti e matrimoni. Ha un valore politico alto, questo film, senza mai ostentarlo. E senza mai rinunciare alla raffinatezza nelle scelte visive.

Nessuna scenografia, sonoro, fotografia saranno mai capaci di eguagliare il potere supremo di Madre Natura, e questo film ne è prova schiacciante. Protagonista non è solo la tenera coppia di amanti che si sceglie contro tutti e tutto, o le loro tribù. È la stessa isola Tanna che respira e vive con loro, ripresa nella sua straordinaria quotidianità. L’eruzione di un vulcano come un insetto mangiato con disinvoltura, la corsa a perdifiato nella foresta come le nudità naturali di chi è nato per vivere senza protezioni. Più che un film è un’esperienza sensoriale, un racconto di rara e struggente bellezza che ci riporta al senso del cinema. Capace di narrare la realtà con onestà e poesia, offrendo un viaggio in cui è bello smarrirsi e da cui è impossibile non uscire cambiati. E innamorati.

Claudia Catalli, my movies

Mi Piace(0)Non mi Piace(0)

Add comment