Last Summer
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 voti, media: 3,00 su 5)
Loading...
Country:
USA
Year:
2014
Category:
Cinestudio gen., Drammatico
Release date:
18 ottobre 2014
Duration:
1 hours 34 minutes
Writers:
Leonardo Guerra Seragnoli, IgorT, Banana Yoshimoto
Director:
Leonardo Guerra Seragnoli
Actors:
Rinko Kikuchi, Lucy Griffiths, Yorick van Wageningen, Laura Bach, Daniel Ball.
Age restriction:
No
Language:
ITA

Sinossi

Il film racconta di una giovane donna giapponese che ha quattro giorni per dire addio al figlio di sei anni, di cui ha perso la custodia, a bordo dello yacht della facoltosa famiglia occidentale dell’ex-marito. Sola con l’equipaggio, che ha il mandato di sorvegliarla a vista, la donna affronta la sfida di ritrovare un legame col bambino prima di doversene separare per molti anni.
Un gusto dell’eleganza che non è fine a se stesso né alla meccanica illustrazione del milieu sociale; un film che si esprime con il colore, e parla delle sfumature della libertà – dallo sradicamento alla dorata prigionia – senza mai calcare inutilmente la mano.

Il Film

Il film è stato girato interamente su una barca nel mare della Puglia, con un cast internazionale raccolto dal regista italiano Leonardo Guerra Seràgnoli, che vive e lavora aLondra, al suo esordio nel lungometraggio. Protagonista è l’attrice giapponese Rinko Kikuchi (nomination agli Oscar con “Babel”), accanto all’olandese Yorick Van Wageningen (il cattivo di “Uomini che odiano le donne”), Lucy Griffiths, Laura Sofia Bach, Daniel Ball e il piccolo esordiente anglogiapponese Ken Brady.

La sceneggiatura è scritta con l’autore di culto di graphic novel IgorT e con la collaborazione – per la caratterizzazione della protagonista – della scrittrice best seller giapponese Banana Yoshimoto. I costumi sono della pluri-Oscar Milena Canonero (che ha anche partecipato alla produzione), e il montaggio è dell’austriaca Monika Willi, la montatrice di Michael Haneke. Anche la barca a vela è una star: si tratta di un 43 metri di lusso, disegnato dall’architetto navale Bill Tripp e con gli interni e la coperta su disegno dell’archistar Odile Decq (autrice del Macro di Roma).

Il film è stato presentato in Italia il 18 ottobre 2014 nella sezione Prospettive Italia al Festival internazionale del film di Roma.

Proiezione al Cinestudio 38

25 / 26 Gennaio

Recensione

1 Comment
  • Roberto

    Con il dovuto rispetto, domando: che motivo c’è di realizzare un film del genere? E per quale ragione le persone dovrebbero vederlo? Forse perché tratta una storia possibile oppure perché il lavoro è “ben fatto”?
    Se è per questo, anche l’ elenco del telefono “recitato” da Arnoldo Foà è – a suo modo- un capolavoro degno di essere “rappresentato” davanti a un pubblico di aspiranti attori o di aspiranti speaker. E riscuotere ovazioni, da quel pubblico .
    Mi piacerebbe conoscere la valutazione (e in genere i criteri di scelta) del direttore della Rassegna; non il semplice riporto di Wikipedia. Fermo restando che le opinioni in fatto di gusti non sono, né possono, essere obiettive o univoche, io sono uscito a metà proiezione per 3 film: in 3 ho “sofferto” per resistere fino alla fine (il sopravvalutatissimo “La isla minima”; il modesto rifacimento filmico di Miss Julie e il troppo truce, ma da cineclub, “Il club”).
    Un cineclub deve essere per forza palloso o con film intellettualistici?
    Evitiamo equivoci: non chiedo certo i film con Christian De Sica o i melodrammi di Muccino.
    Cordiali saluti. In bocca al lupo.

Add comment